clude file="inc/dbase_lib.inc.htm"--> <% id_sezione = 2 %> *Benvenuti a Tussio* ____ Il paese più bello del mondo
<

 

Dove siamo

Il paese:
- I Quartieri

- Gli archi
- I leoni di Tussio
- Fonte e fonte San Giuseppe
- I pozzi
- Le contrade della campagna

I dintorni:
- La Rotta ru Marron(e)
- Castel Camponeschi
- Peltuinum
- La Fontanella

Tussio in foto

  Gli Archi

 

Toni Santogrossi


È il titolo dell'articolo che pubblicammo su "La Mazzocca" ** agli inizi degli anni settanta. Ci incuriosiva sapere perché a Tussio ci fossero tanti archi, o almeno così a noi sembrava, perché si costruivano gli archi, e quale era la loro funzione. Chiedemmo alle persone più anziane e fra le informazioni più attendibili ricavammo che: una funzione era quella di sviluppare la costruzione in altezza per occupare meno suolo possibile e risparmiare soprattutto sulla copertura; l'altra funzione era quella di sicurezza.
Il Paese era costruito a nuclei abitativi completamente autosufficienti, infatti all'interno di essi, a pian terreno c'era la stalla, il pagliaio, la cantina, la cisterna e sopra si sviluppava la casa vera e propria.
Con la costruzione dell'arco si ampliava di molto la superficie abitativa.
Ma l'aspetto ancora più interessante è quello della funzione di difesa: tutti gli archi e di conseguenza tutti i blocchi abitativi avevano due uscite in  vie differenti e tutti avevano un massiccio portone che di notte si sprangava.
Ogni arco prendeva il nome dalla famiglia che vi abitava o che molto più spesso ne era proprietaria.



Con grande soddisfazione riproduciamo le foto degli archi di Tussio gentilmente fornite dal sig. Luca Menna

Arco  De Meis (già arco Leonardis): è l'arco dove abitano Serafina Leonardis e Francesco De Meis.

Entrata: via della fonte

 

Uscita: via delle aie  (via IV novembre )

 

Arco Ru Bacch'(o): è l'arco dove abitavano Maria Angelica e Gabriele Leonardis,  più sotto abita Giuseppe Peretti

Entrata: via della fonte

dal 13 dicembre 2009 l'arco è così:

 

Uscita: via delle aie 

 

 

Arco de La Finanza: è l'arco dove ha la stalle e la cantina Pasqualina Giordani (la finanza)

Entrata: arco ‘si Rasicc'

 

Uscita: via della Fonte

 

Arco ‘Si Rasicc': è l'arco dove ha la stalla e la cantina Vincenzo De Rubeis; l'abitazione sovrastante è di Antonio Cicerone

Entrata: via san Tussio

 

  Uscita: arco de la Finanza

 

Arco di don Tullio: è l'arco privato del cortile dei De Rubeis;

Entrata: via della Faina

 

Uscita: fuori le Mura

 

Arco Ri Paradìs(o): è l'arco dove abitavano De Santis Antonio (Pagliuccio). De Santis Luigi (nonno di Filiberto). L'abitazione sovrastante è di Paolino Grilli

Entrata: via sotto i Fossi

 

Uscita : via della Faina

 

Arco La Crapara: è l'arco dove hanno abitato Anna e Filiberto Leonardis

Entrata: via della Faina

 

Uscita: fuori le Mura

 

Arco di Croce: è l'arco dove abitano Giuseppe e Vincenzo Cicerone

Entrata: via sotto i Fossi

 

Uscita: via della Giraffa

 

Arco di Panacc'(i) o Ru Giud(i)citt'(o): è l'arco dove abitava Adolfino Santogrossi

Entrata: via Madonna in Gloria

 

Uscita: via Madonna in Gloria

 

Arco di Liuccio: è l'arco dove abitano Cesira e Berardina Leonardis
Entrata via Madonna in Gloria

 

Uscita: salita Madonna della Neve

 

Arco dei Cicerone: è l'arco dove abitano Nazareno Portante, Angelina Evangelista, Maria Pia e Maria Rita De Rubeis; l'abitazione sovrastante è di Michele Cicerone

Entrata: via Madonna in Gloria

dal 13 dicembre 2009 l'arco è così:

 

Uscita: via  san Tussio

 

 

Arco dei Grilli o Patategli(o): è l'arco dove ha la cantina Armando Pietrangeli; l'abitazione sovrastante è di Pasquale Pizzimenti

Entrata: via Lauretana

 

Uscita: via dietro le Finestre

 

Arco dei Pietrangeli: è l'arco dove abitavano Vittorio Pietrangeli e Francesco Pietrangeli

Entrata: via Lauretana

 

Uscita: via dietro le Finestre

 

Arco Patatella: è l'arco dove abita Giovanni Ciccarelli e Gennaro Carosi
Entrata: via san Tussio

 

Uscita: via san Tussio

 

Arco Adamuccio: è l'arco dove abitava Antonio Evangelista; l'abitazione sovrastante è di Francesco Carosi

Entrata: via san Tussio

 

Uscita: via dei Giardini

 

Arco di Brisitt'(o): è arco e cortile completamente privato e vi abitano: Clorinda De Santis, Carosi Carlo e Rossi Silvio.

Entrata: via san Tussio

 

Uscita: via dell'Aia

Abbiamo usato il termine di entrata ed uscita solo per comodità; è ovviamente vero anche il contrario.


**La Mazzocca è il giornale che abbiamo creato nel 1970 e che ha cessato le pubblicazioni dopo circa tre anni di vita.

_________________________________________________

da Toni Santogrossi

Un giorno , Gianni Giordani mi disse: ho pensato di disporre, sulla pianta topografica di Tussio, l'esatta collocazione degli archi del paese.
Gianni, oltre ad utilizzare gli archi da me censiti, ne ha aggiunti tanti altri che, effettivamente, meritano di essere citati.

Con tanto impegno e capacità professionale, è venuto fuori un bel lavoro che resterà per coloro che verranno e nel frattempo sarà beneficiato dai contemporanei.

cliccate sulla foto e si ingrandirà; cliccate ancora e si ingrandirà ancora di più

____________________________

a cura di Toni Santogrossi

grafica e supporto tecnico: Gianni Giordani, Giulia Cicerone