<% id_sezione = 2 %> *Benvenuti a Tussio* ____ Il paese più bello del mondo

 

Piccolo giornale di Borgo

Notizie belle e brutte

Archivio notizie
- Archivio 2018
- Archivio 2017

- Archivio 2016
- Archivio 2015
- Archivio 2014
- Archivio 2013
- Archivio 2012
- Archivio 2011
- Archivio 2010
- Archivio 2009
- Archivio 2008
- Archivio 2007
- Archivio 2006
- Archivio 2005
- Archivio 2004

Tussio in foto

 

ARCHIVIO NOTIZIE 2011

23 dicembre 2011

info@tussio.it augura:

Oliviero Rinaldi, Sacra Famiglia, 1997, olio su tela - Museo Stauròs d'Arte Sacra Contemporanea
San Gabriele

_______________________________________________________

16 dicembre 2011

ultima poesia di Vanda Santogrossi

TANDU TIRA LLA FIONNA… 

Semo arriati pure ‘sta ‘ote a lla fine de ‘n atr'annu
e cquasci  tre ne so' passati senza mette rreparu ajiu dannu.
Se so' sindite tande discussiò c'hannu fattu cresce solu j'affannu
a tutte le perzo' ‘mbicciate pe' la ricostruzziò.
Se so' ‘ittu e rrenfacciatu tande cose che no' nze so' fatte,
ma se ci stea chiggunu che ce sapea fa', pecchè no' nz' è vulut'approfittà
pe' lo bbene de tutta la “communità”?
Ju rancoru no' rrepaca mai e quannu ce va de mezzu tanda ggende
j'egoismu s'ata' mette da ‘na parte, pecchè issu “te ccie l'arte”.
Se dàu angora schiaffi e cazzotto' co' cquela lengua a chi cchiù po'
e pare che pure pe' la “zona franca” c'è statu ‘nu bejiu scivolò.
Speremo che pe' cquesso se pozza rreparà, ma se “tandu tira la fionna”,
nu', che ce potemo fa'?
Mò stem'ajiu mese de lla Pace e ce tenemo volè bbene
stemo vicin'a Natale e ju Bbambinejiu ce po' dà ‘na manu
pe' potè “discifirà” ju ‘ntoppu che ci sta, e rremett'a ppostu lo da fa',
e renne menu fastitiusu lo comenz'addaeru a rreparà
lo male che semo ssubbitu pe' la ròssa calamità
che ‘nu bejiu jornu a “ll'assacresa” c'è vvinut'a rretroa'.
A reflette po', da tembu ci ste' a'vvisà, ma chi ci potea penzà
a lla mala sorte de tene' sott'aji pei ‘na bbotta tandu forte?
ju cerchiu d'amicizzia c'ha sfasciatu, ju corsu de lla vita c‘ha cagnatu,
ji sogni di chiggunu s'è rrubatu e ‘nu doloru  addossu c'ha lassatu.

___________________________________________________

13 dicembre 2011

da Angelo Giordani

Caro info@tussio.it avevo già "cliccato" a suo tempo, ma un po' in fretta.
In questi giorni ho rivisto con calma il grande lavoro e impegno nel ricercare e fotografare i Pozzi di Tussio.
Vi dico: siete stati bravi.
Come è stato bravo anche Paolo Grilli, per tutti "Paulino la casetta", che dal suo "esilio" romagnolo, la bella Rimini, ci ha regalato belle e toccanti poesie sul nostro amato Tussio, certamente col cuore palpitante!
E che dire della bella francesina Valèrie che con passione e impegno certosino ha fotografato una sfilza di antiche porte, ricordando i nostri antenati che con impegno avevano costruito.
Cara Valèrie, sei stata bravissima e soprattutto ci hai dimostrato che, benchè vivi a migliaia di KM da Tussio, senti tanto amore per il nostro paesello, forse più di noi che siamo quì. Hanno fatto bene quest'estate nel darti il "bentornata sul gazzettino stradale tussiano"!!

Approfitto per quest'occasione per inviare a tutti quanti i "cliccatori" di www.tussio.it tanti auguri di Buon Natale e un ricco 2012.

_________________________________________________________

28 novembre 2011

ultima poesia di Vanda Santogrossi

MMA COME S E PO'FA' ?!? 

So sinditu a lla tilivisiò de ‘ice ‘na cosa
che no' m'ha fattu tantu piacere a diggirilla
e me so' mess'a rreflette su cquiji che commannenu
e spartenu ji sordi pe' ji “crateri” de ll'area de' ju tarramutu.
So' rremast'a a ‘occ'aperta e co'ttandu de recchi'a ssindì
cquelo che no' volevo propitu sindì
-Hannu mannatu ji sordi tistinati a lle “scole aquilane”
a certe città che no' hanno autu dannu. Ti rinni cundu?
Hannu ‘ittu ch'è corpa de' ju “decretu” che s'è sbajiatu
e che ha cunfusu ju tarramutu de ggennaru ddumilaunnici
co' cquijiu ròssu e ttostu de' ju ddumilanove.
C'è vvulutu lo parlà di testimoni pe' capì la virità:
-‘Na scola da raggiustà era propetu cquela che fecea lezziò
quannu le scole nostre pateanu tribbolazziò.
Meno male che chigguno ha ‘ittu ‘na cosa “sanda”
che quannu j'arria ju “malloppu” ‘no ddoutu
ce ju rremann'arrete co' ttandu de salutu.
Ma come se po' fa' a spanne ji quatrini ‘n giru
quannu se vede tandu bbonu se j'occhiu giri
ch'a ll'Aquila serveno ji sordi che ci ‘annu
pe' rrepara ‘nu pocu ‘e disgrazia ‘entru j'annu?!?
E po' fece molo pe' ttutti e pe' ‘sti quatrani morti
spece ‘ncquistu mese pe' ju rispettu che ji e “Tu” a issi purti!

___________________________________________________

26 novembre 2011

da Angelo Giordani

caro infoTussio, ti invio "l'articolo" pubblicato dagli Amici de IL CENTRO, dedicato al nuovo Tussiano MASSIMO, che fra qualche anno vedremo saltellare per le stradine del nostro paesello.

____________________________________________________________

24 ottobre 2011

da Toni Santogrossi

Nella sezione CURIOSITA' è stato aggiunto un nuovo capitolo: POZZI di Tussio.
Un giorno Paolo d'(i) Velia - De Meis - mi dice: " Si dovrebbero contare e fotografare i pozzi di Tussio".
"Chi dovrebbe farlo?" - rispondo io.
Paolo capisce cosa voglio dire e inizia a fare foto e a chiedere le prime informazioni alla madre.
Mi racconta, e, insieme, abbiamo fatto un altro grande lavoro di catalogazione per i futuri abitanti e/o estimatori del paese.
Come sempre il frutto di ore di lavoro è messo a disposizione di TUTTI: di tutti coloro che apprezzano queste cose.
Gli ultimi pozzi trovati a Casale ce li ha segnalati e ci ha accompagnato Miuccio. Proprio in quella occasione Paolo ha fatto ed inviato la foto pubblicata più in basso, sempre in questo giornale.

__________________________________________

24 ottobre 2011

Ancora un grosso lavoro fatto dal nostro architetto Sergio Colangeli con la moglie Renata, anche lei architetto, è stato preso in considerazione dalla rivista “RISTRUTTURA CASE E CASALI”.
La rivista ha dedicato al restauro ben 14 pagine; il casale si trova sulle "colline marchigiane in provincia di Fermo" e introduce l'articolo dicendo:" tradizione e stile contemporaneo si fondono per dare vita ad un loft che sembra una galleria d'arte in cui l'architetto ha saputo reinterpretare i materiali in chiave moderna senza nulla togliere al loro atavico fascino".
Il giornale – numero di novembre/dicembre - è acquistabile in edicola.
I nostri complimenti ai paesani che, con il proprio lavoro, capacità e professionalità, si ritagliano una fetta di notorietà nel mondo.

________________________________________________

20 ottobre 2011

da Pasquale Pizzimenti

E' con lo spirito di chi si sente Tussiano di adozione che mi unisco a tutti i compaesani nel ricordo di Miuccio, figura austera burbera ma a suo modo tranquilla e sorridente. Se nei miei week ends a Tussio mi capitava di incontrarlo dieci volte per tutte e dieci le volte ricevevo un saluto cordiale e garbato. Non sono state poche le volte in cui ho avuto modo di apprezzare i suoi secchi e sagaci commenti alla fine di qualche lunga e forse inutile disquisizione. Un affettuoso e sincero ricordo  Pasquale 

10 ottobre 2011

da Paolo De Meis

In ricordo di Miuccio, personaggio che ci ha lasciato recentemente, vorremmo che publicaste questa foto scattata l'11 giugno 2011, mentre ricercavamo i siti dei pozzi di Tussio. Miuccio ci ha aiutato e accompagnato nella ricerca.

3 ottobre 2011

da Tiziano De Rubeis

in ricordo di compare Miuccio

Ciao a tutti,
ho saputo della scomparsa del caro compare Miuccio e ho ripensato a tutte le battute di caccia che ci siamo fatti insieme. Lui sembrava un burbero ma in realtà era una persona dal cuore d'oro. Lo voglio ricordare per tutti gli
aneddoti che ci raccontava quando eravamo insieme come l'episodio del "Turco" di Caporciano o come quando chiese in prestito una cartuccia per il fucile a un altro cacciatore il quale gli disse: "Te la do ma poi me la devi ridare" e lui gli rispose: "Ma se te la devo ridare allora non la sparo per niente e non se la fece dare". Questo era il compare Miuccio. Mi mancherà...

__________________________________________________

17 ottobre 2011

Ieri, il nostro parroco don Alessandro ha comunicato alla popolazione che domenica 30 ottobre alle ore 12,00 la santa messa sarà celebrata dal vescovo ausiliare Giovanni D'Ercole.
L'intrattenimento alla nostra parrocchia è inserita nell'ambito delle visite pastorali che monsignore dedica alle comunità del territorio.
Don Alessandro ha invitato tutta la popolazione a partecipare al rito.

_________________________________________________

10 ottobre 2011

ultima poesia di Vanda Santogrossi

MA VE VOLETE METTE D'ACCORDU ?!?

Me pare di sindì ju rumore de tutti ji candieri
rraperti pe' rreparà ji danni de' jiu tarramutu
che la notte c'ha rrevotecati sott' e ssopre
e c'ha cagnatu tutti ji proggetti
che ‘gnisciunu avea fattu
pe' ji jorni e j'anni che teneanu vinì.
La mende me rrevà a cquela piazza piena
de tande perzone e de tutte le bbelle bbangarelle
che teneanu da lo magnà a lo vistì
da lo necessariu a ttande sciuclarelle.
Mò le jornate però no' nzo' pe'  gnisciunu cchiù cquele:
te pijia ‘nu macone e ‘nu notu te strigne la cola
e ti sindi ‘nu sijiuzzu che te s'allappa ‘n pettu
sol'a ppenzà che lo bbene che tinii no' lo tini cchiù
e j'amicu che vitii no' lo viti cchiù tandu sspessu
pecchè macara tu sta loco jiò e issu loco su.
Tenemo facci forza e aspettà chi s'è missu pe' nu' a laorà
e ce mette “troppu tembu” pe' rredacci ‘ntimità
pe' rreacce le rajci tra ji muri ‘n cquele stanze
che de lacrim' e surrisi ,de nu, esse sannu tandu.
Stemo bbonu a ‘n'atra casa, ma no' è propetu nostra
cquijiu locu larg'o strittu  ch'appartene a cqiustu core!
Mo' ‘na cosa nu' aspettemo e pe' piacere ve chietemo:
-Quannu fenisce cquesta palla tra le mani rrembarzà?!?-
Ma la volete fenì  ‘e liticà?!

______________________________________________________

7 ottobre 2011

Manuela Stallone ci invia questa brutta notizia:

Dopo una lunga degenza si è spento all'eta di 82 anni Don Aldo Menechini .
I funerali si svolgeranno venerdi 7 ottobre a Roma presso la Parrocchia San Tommaso d'Aquino .

inviamo le nostre condoglianze ai parenti di don Aldo che per tanti anni, durante il periodo di vacanze che il sacerdote trascorreva a Tussio, ha celebrato messa nella nostra Parrocchia.

______________________________________________________

6 ottobre 2011

ancora da Paolino Grilli (Paolino la casetta) ci pervengono queste belle poesie dedicate al nostro Paese.

Il campanile

Si erge come un gigante
sull'acrocoro dove si arrocca il paese
Domina la valle
e come un araldo
comunica ai suoi
e agli abitanti della zona
le notizie buone e cattive
con il suono delle sue campane.

 

Biancheggiare (in maggio)

-Lungo il Tratturo –

In maggio quando l'acqua gorgogliante
da Settefonti scorre fino al lago
odi fanciulle che come virago
coi piedi scalzi e coi capelli al vento
battere i panni per il nuovo evento.
Il lino steso sopra il prato verde
sembra essere tornato nel suo ambiente.
ritorna dopo il buio dell'inverno
a rivedere luce sole e vita.
sull'erba pura profumata e alta
inneggia al mondo e le sue crespe
sembran portarlo giù alla marina.

 

L'orologio di Tussio

Ma perché quest'orologio corre corre
non tace mai
ogni minuto suona?
Una volta è mancato
eppure si viveva ugualmente.
Quando arrivo mi fa quasi piacere,
il rintoccare mi rallegra il cuore.
Ma quando poi lavoro e passa il tempo
mi rende alquanto triste.
Perché questo?
Si avvicina purtroppo la partenza.

 

La mia gente

L'emozione mi attanaglia
mi sgorgano le lacrime,
qui assorto nel cortile
della casa avita scrivo queste
modeste impressioni, debbo
togliere gli occhiali
per asciugare le lacrime.
Grazie popolo mio,
parenti, amici.
Grazie al cielo che mi guarda,
alla cara terra che mi ospita,
a voi tutti cari paesani che mi amate.
In ogni vostra casa ho una casa,
una famiglia, il calore di cui
ha bisogno un figlio lontano.

 

Ciliegio abbattuto

Io ho abbattuto questo monumento
gloria ed orgoglio di madre natura,
sia nell'inverno spoglio e abbandonato
che in primavera verde e abitato.
Bambino ancora sollevavo gli occhi
sulle sue cime e col pensier salivo,
ma grande poi da poterlo scalare
m'arrampicavo a cogliere i suoi frutti.
Dalle sue vette io ammiravo i campi
tinti di ogni colore fino al giallo
del biondo grano che pareva un mare.
Alle sue spalle il caro Colmaggiore
con il suo bosco verde e con la Croce
ed io tanto piccolo e incosciente
pensavo avere raggiunto il firmamento.

 

Lontananza

  I campi son tornati a verdeggiare,
i boschi degli uccelli a risuonare
le nevi sciolte scendono nel piano,
ma io ramingo sono assai lontano.
Vi rivedo miei monti maestosi,
quali arsi, quali boscosi, quali pietrosi;
tu che domini sopra al camposanto
mi sei il più caro,
o monte Polveroso
perché vegli sui resti che da tanto
dormono in pace l'eterno riposo.

------------------------------------------------------------

 

10 ottobre 2011

da Carlo e Cathérine Carosi
(nipote di Ricucc' e Angelina, figlio di Serafino e Carina)

ciao info@tussio,
ho letto l'articolo " SPETTACOLARE MATRIMONIO ITALO – TEDESCO NELL'ALTIPIANO DEL NOSTRO GRAN SASSO " (19.9.2011) del nostro matriomio e sono stato molto contento (ed anche orgoglioso) di essere parte del vostro sito.
E' stato un matrimonio molto bello, speciale ed indimenticabile per noi ed anche per i nostri invitati. Tanti parenti ed amici tussiani mi hanno detto che non sono stati mai a Rocca Calascio o a Fonte Vetica. E gli invitati della Germania hanno affermato che il Gran Sasso è un  paessagio affascinante!!
Vogliamo ritornare presto perché non abbiamo mai visto Tussio con la neve!!
In questo modo vogliamo mandare un caro saluto a tutti i Tussiani, a tutti parenti ed amici e un arrivederci a presto!!
Grazie di nuovo a tutti coloro che hanno contribuito al nostro matrimonio ed anche ad info@tussio.it per l'articolo.

 

19 settembre 2011

da Angelo Giordani

SPETTACOLARE MATRIMONIO ITALO – TEDESCO NELL'ALTIPIANO DEL NOSTRO GRAN SASSO

Tornava a Tussio da piccino il nipote di RICUCCCarosi con i genitori Serafino e Carina per le loro vacanze. Da grande con la sua “morosa” ogni estate erano da noi e appassionati entrambi di ciclismo pedalavano con le montain bike lungo le nostre spettacolari montagne aquilane.
Stavolta, sono tornati di proposito dalla Germania, dove risiedono Carlo e CathérineCarosi, per pronunciarsi l'eterno amore con il fatidico “si” in alta montagna.La cerimonia si è svolta sabato 10 Settembre nella panoramica e caratteristica Chiesetta di Santa Maria della Pietà a Rocca Calascio.
Precedentemente con rito civile, i due innamorati avevano unito i loro sentimenti il 18 Marzo scorso nel Comune di Garmisch – Partenkirchen, sulla montagna più alta della Germania Zugpitze a quasi 3000 come il nostro Gran Sasso.
La suggestiva Chiesa della Rocchetta è raggiungibile solamente a piedi, dopo qualche chilometro di sterrato. Così la folta carovana di parenti e amici tussiani e loro amici tedeschi, lasciate le macchine, ha seguito la bandiera tricolore e quella azzurra europea (a supplire la tedesca) che rappresentavano gli invitati dei due Paesi. Sportivamente,quindi, ci si è incamminati tra l'allegria generale ed un sole stupendo verso la Chiesa in cui Don Kanth,prete indiano, ha celebrato la cerimonia iniziale in parte in italiano ed in parte in inglese per far capire a tutti l'importanza del rito.
Ridiscesi alle macchine dietro ai bravi “portabandiere” ed agli emozionati genitori Serafino e Carina , la lunga carovana con in testa gli sposi nella Mercedes bianca di Giovanni l'americano si è diretta verso il Gran Sasso a Fonte Vetica per un caratteristico pranzo sotto un cielo azzurro ed un panorama da sogno.
Gli amici tedeschi, che per la prima volta hanno conosciuto il nostro Abruzzo, erano affascinati da tanta bellezza
che le nostre zone offrono e decisi a tornarci negli anni a venire.
La sera di nuovo tutti insieme nel nuovo Agriturismo “Centuria” di San Pio per un'ottima cena animata da allegri balli fino a tarda notte a completare la stupenda giornata del matrimonio del nipote di RICUCC a cui da questo bel sito facciamo tutti i migliori auguri per tanti Carosi-ni!

Anche tussio.it porge i più fervidi auguri agli sposi e loro familiari.

___________________________________________________

12 settembre 2011

Ringraziamo il comitato per l'ottima ed ordinata organizzazione delle feste, e pubblichiamo la foto della banda con la scritta di elogio fatta da Angelo Giordani.

_________________________________________________________

 

12 settembre 2011

ultima poesia di Vanda Santogrossi

VOLEMO COMENZÁ?

Me so' rrefatta pure jì ‘na caminata
pe' cquijiu Corsu che straziata m'ha lassata
da quannu la città semo ‘bbandonata,
da cquijiu 6 Abbrile tandu sfurtunatu
pe' cquijiu tarramutu triste assà
c'ha missu ‘nu sconquassu a ttutti addossu
e tanda de cquela malingunia
pecchè è difficile rrengondrasse pe' la via.
Stemo spasi de cqua e de là pe' la pirifiria
e s'addopra ju telefuninu pure pe' cumbagnia.
So' rrevistu cquiji necozi na ‘ote tutti 'llumati
e cquele vitrine tutt'addobbate, co' le serrand'abbassate
e porte e fenestre co' le stecche ‘ncrociate.
Certi furastieri co' j'occhi spalancati a quardà pe' l'aria
ji palazzi sfasciati, crepati, “assicurati” e lassati
se steanu a meravijià de troà tuttu “a caru amicu”
e jì, a penzà che stann'a ‘spetta che rrecanda ju “cuccù”
cuscì co' ‘n annu stannu a rruinasse angora de cchiù.
Speremu che San Pietru Cilistinu che ce vo' tandu bbene
metta ‘na manu ‘n mezz'a ‘stu “casinu”
e smoe le cocce de chi tà comenzà
pè no' facce dajiu munnu rrefrecà.

_____________________________________________

8 settembre 2011

Oggi 8 settembre, festa della Madonna di Loreto, nel 1906 nasce a Tussio Pia Carosi - Pietta-.
E' con noi e gode ottima salute.
www.tussio.it augura a Pietta - zia di Tussio- ogni infinità di bene.

_______________________________________

5 settembre 2011

Valèrie Santarelli ci ha inviato queste foto scattate nel 1979.
E' un bel documento che ricorda il momento in cui si "rifacevano" i materassi di lana.
Qualche anno prima erano ancora in uso i "sacconi" riempiti con le "fruscie di mazzocca" (foglie di granturco secche)

riconosciamo Maria, la moglie di Giovanni Ciccarelli, ...l'uomo che girava per cardare la lana e Ida Santilli

foto scattata in via Trento; non conosciamo chi sta lavorando

___________________________________________________________

16 agosto 2011

il 20 e 21 agosto si svolgeranno le feste di Santa Anatolia e della SS. Madonna Addolarata.
Ieri il parroco ha comunicato i nomi dei volontari che organizzeranno i festeggiamenti e sono:

Domenico Cicerone (Dorando)
Matteo De Matteis
Luciano Giordani

www.tussio.it si mette a disposizione per qualsiasi esigenza di comunicazione del comitato feste, dei compaesani e delle autorità religiose.

------------------------------------------------------------------------------------------------------

11 agosto 2011

Ci sono pervenute delle poesie del nostro paesano Paolo Grilli (Paolino la Casetta) e ne pubblichiamo qualcuna dedicata a Tussio, suo ed indimenticato borgo natio.

I miei monti

Sono lontano, forse per questo
Spesso li sogno, li vedo,
quasi li tocco, o rischiarati dal sole lucente,
o ammantati di neve.
Provo un piacere indicibile
quasi mi vien da piangere,
un sentimento interiore indescrivibile.
Poi quando mi sveglio
mi sento più disteso
e intanto
cresce il desiderio di tornare
a vederli realmente.

Legame

Come il cordone ombelicale
tiene unito il feto alla mamma
allo stesso modo un filo
mi lega alla mia terra.
Dopo il tempo stabilito
creatura e mamma si separano
e il legame vitale si recide.
Nel mio caso non avviene
perché fin dall'infanzia
il mio è rimasto intatto.

L'indossatrice

Sfilano sulle passerelle
con i lori corpi flessuosi
capo eretto,ondeggiano nell'avanzare,
Giovani ed anche donne mature.
Frutto del comportamento
l'esercizio continuo,
un modo di vita e di alimentazione
controllati.
Eppure, nella mia fanciullezza
quante di queste statue
ho visto al mio Paese!
Bambine, giovani, adulte e perfino vecchie,
le quali non per mostrare modelli
ma per trasportare pesi
camminavano lungo le strade scoscese.
Ma lo spettacolo più grande
era vedere questi corpi
muoversi armoniosamente
con la conca pieana d'acqua,
attinta alla fontana, senza versarne una goccia.
E che dire poi.
quando durante la vendemmia
trasportavano mosto bollente?

Da cima Scrimone

Salve nostri cari trapassati
accomunati in un unico destino
godete il riposo dei giusti.
Sono lontane da voi le passioni umane
è cessato l'amore che vi faceva vivere.
Sono scomparsi
anche i sentimenti dell'egoismo e dell'invidia
ora tranquilli, riuniti
in un Concistoro perenne
continuate la vita dei vivi
a due passi da noi
che vi ricordiamo con tanto amore.

La croce

Ti ho conquistato Colmaggiore,
monte tra i più cari.
Ai piedi della vecchia Croce,
simbolo del martirio di Cristo,
ammiro la valle
e guardo il Paese.
Qui attorno molto è cambiato
il verde ha quasi raggiunto la cima
è cambiato anche il tuo popolo,
chiuso nelle scatole delle case
non è più quello della solidarietà,
della fratellanza, dell'amicizia,
nel suo animo regnano
l'invidia e l'egoismo.
Eppure quale piacere provo
su questa cima
il sole che mi riscalda,
il verde che profuma
perfino queste vecchie pietre
sembrano avanzare verso di te
piccole e grandi
a modo degli uomini
che anelano un'altra vita.

Collemaggiore 12/8/1987

_________________________________________

4 luglio 2011

da Vanda Santogrossi

NO' S'ATA' FA' !…!…!

Ji jorni passeno e no'nzo' bbeji come se potea penzà
‘gnunu cerca de rretroà la pace sé, ma no' nge sta da fa',
cquelo che s'è pirdutu angora sta tandu londanu da racchiappà.
E' vveru che ce sta chi tandu se ‘mbegna da solu o ‘ngumbagnia
pe' pote' manna via ju rangoru e ‘nu saccu de malingunia
ma quannu se crede d'avè fattu checcosa pe' sé e pe' j'atri,
eccote chiggunu co' ju core niru, che sfascia tutti ji quatri
che se so “missi ‘n fila”pe' fatti rreluccicà j'occhi e appacà ju core.
Ma come j'è vvinutu mmende a cquijiu o cquiji de fa' tuttu cquelu
a lle nicchie “rremesse a nnovu” de lle scalette de San Bernardinu?
No' ha pinzatu che cquele ereno pure de issu, se “ecco” è natu
o se da “casa dejiu diavulu” ecco è vvinutu e da nu' accoltu
e forze da ‘na “menza di L'Aquila” vene pure rimpinzatu?
No' ha pinzatu ajiu laoru de tandi e aji sordi spisi
de cquiji che da londanu c'hanno aiutatu e ce so' stati vecinu
pe' rrecomenzà a sanà armenu ‘na picquela firita?
De certu, issu o issi, no' hannu conzitiratu, manco j'amore
di chi ce se imbegnatu co' forza e co' tuttu ju core.
Mo', issi, se tanna mette mmende che “tuttu” è pure lo sé:
lo bbonu e lo sfasciatu, e che ce tanna dà ‘na manu
a pulì e no' a ‘mbrattà se vojiono condà,
pe' rrecomenz'a cresce e p'avè ‘nu bbejiu domà.

 

A MAMMA INES

Sei tu volata via

o dolce mamma!
Hai tu lasciato un vuoto
sulla terra
che t'ebbe cara e saggia
nel tuo andare.
Al cuor di tutti
hai dato affetto
ed onestà sincera
a chi ti ha conosciuta.
Pur nel dolore
sei stata parca
e sopportar con esso
in silenzio hai saputo
esser discreta.
Donaci ancora
quel tuo sguardo buono
e spronaci nel bene
a te sì caro
dal luogo sereno d'armonia.

_______________________________________________________

13 giugno 2011

Ieri il quotidiano Il Centro ha pubblicato il seguente articolo al quale noi ci associamo pienamente:

Tussio, applausi per «Super Leo»

Il ciclista Giordani in paese dopo il Giro d'Italia

 

PRATA D'ANSIDONIA. Ha raccolto l'applauso della sua gente, dopo aver percorso l'Italia sulla bici per la competizione più amata. Torna a casa (e festeggia i 34 anni in famiglia) Leonardo Giordani (nella foto coi fan). Il ciclista professionista, originario di Tussio di Prata d'Ansidonia, ha trascorso alcuni giorni di relax in paese, prima di tornare agli impegni agonistici. Dopo essersi battuto dalla prima all'ultima tappa di un Giro avvincente, che lo ha visto protagonista nelle fughe, con la squadra Farnese Vini-Neri Sottoli, Giordani si è concesso una pausa. Il sindaco di Prata d'Ansidonia Francesco Di Marco lo ha ricevuto in Comune, esprimendogli le congratulazioni a nome della comunità della Piana di Navelli. Nei giorni di permanenza aquilana «Super Leo», così lo chiamano i tifosi, non ha rinunciato alle sgambate in bici, scortato, stavolta, dal figlio Lorenzo che vuole seguirne le orme. Le gesta del campione sono narrate sul sito www.tussio.it , che racconta la vita della piccola frazione.

____________________________________________________________

17 maggio 2011

Vanda Santogrossi

comunichiamo a quanti lo hanno chiesto, i punti vendita dove si può acquistare il libro di Poesie:
l'urlo nella notte

L'Aquila:difronte al bar Nurzia in piazza Duomo...nel gazebo di informazioni turistiche; alla gioelleria l'Isola del tesoro al centro commerciale L'Aquilone; .alla cartoleria al Torrione quella vicino il tabaccaio e il fornaio; e all'edicola della Torretta!!!

_________________________________________________________

26 aprile 2011

da Sergio Colangeli

...complimenti info tussio! le ultime foto pubblicate sono davvero emozionanti...un mondo che un volta c'era ed ora non c'è più! ma ci siete davvero tutti! perdonate la mia curiosità, senza invadere la privacy di nessuno, ma quel terrazzo panoramico adibito a dancing, ma di chi era? e poi le foto storiche! l'aggiornamento delle corse campestri! la piantina della marcia ecologica!....addirittura un bimbo chiamato Tussio!, che dire, bravo infotussio... a presto, sempre con affetto sergio

_____________________________________________________________

8 aprile

nella sezione "Tussio in foto" nel capitolo "foto popolari" abbiamo inserito belle immagini degli anni '70 fornite da Angelo Giordani.
Anche Dorando ha inviato una preziosa foto della processione agli "Scintiregli" risalente intorno al 1905

____________________________________________________________

16 marzo 2011

da Dorando (Domenico Cicerone)

Tradizione rispettata anche quest'anno.
Il 26 febbraio 2011 ha avuto luogo la tradizionale “Ruzzica” lungo le strade de “la repubblica” guadagnando faticosamente le cantine dei partecipanti.
Grazie alla partecipazione di 20 affezionati concorrenti , anziani e giovani, 16 uomine e 4 donne , così da formare 2 squadre di 10 persone per ognuna.
La compagine “gialla” ha subito conseguito 4 risultati positivi di seguito, lasciando a secco gli avversari, ma successivamente quella “verde” è passata alla riscossa con 6 ottime prove ribaltando la situazione ed aggiudicandosi la vittoria di questa edizione 2011.
Ad ogni sosta: scorpacciata di dolci vari offerti dai concorrenti.
Alle ore 18 si è conclusa la entusiasmante manifestazione senza notare alcuna “torba”.

 

30 maggio 2011

Ci complimentiamo con il nostro ciclista Leonardo Giordani per aver portato a termine con grande soddisfazione il Giro d'Italia. Gli auguriamo perseveranza, forza e fortuna per i prossimi impegni sportivi.

________________________________________________________

27 maggio 2011

da infotussio

auguri di buon compleanno al nostro Leonardo che oggi compie 34 anni

22 maggio 2011

da Angelo Colangeli

Tortoreto. Una piccola fuga, prima della partenza dal lungomare, per salutare i parenti e gli amici, che gli hanno dedicato una vetrina personalizzata, con tanto di striscioni, in una boutique del centro di Tortoreto. Questa mattina, poco prima della punzonatura, Leonardo Giordani, passista della Farnese-Neri,ha trovato il tempo per fare un salto in via Trieste, davanti al negozio di abbigliamento Lepier per un saluto tutto particolare.
Giordani, capace di vincere anche un mondiale tra i dilettanti, che ora vivacizza la Corsa Rosa con fughe da lontano, ha fatto vista a Leonardo Di Berardino, titolare dell'attività, amico di famiglia. Il ciclista romani, che nel gruppo è conosciuto come “ Il centurione”, vanta origini abruzzesi, e il papà Angelo è stato per anni emigrante in Venezuela, dove è nata una sana amicizia. Questa mattina Leonardo (che porta lo stesso nome dell'amico di papà) prima di cimentarsi nella frazione verso Castelfidardo, ha fatto visita agli amici, che gli hanno dedicato una vetrina tutta particolare.

17 maggio 2011

Leonardo dedica un pensiero al paesello: "

CIAO TUSSIO, VOLEVO RINGRAZIARTI E SALUTARTI DAL GIRO!

A PRESTO!

16 maggio 2011

Da Angelo Giordani

scritta di sostegno al nostro ciclista Leonardo sulla strade di Fiuggi in occasione del passaggio della VI tappa del giro d'Italia

Sabato 14 abbiamo assistito ad una grande fuga del nostro ciclista: partita dal secondo Km e conclusasi a 7 km. dall'arrivo. Leonardo ci ha regalato una grande emozione; lo abbiamo visto, poi, intervistato al “processo alla tappa” sicuro di sé e consapevole di avere svolto un grande lavoro per la squadra che, a coronamento della bella giornata, ha vinto la tappa con Gatti.
Al nostro campione un tifoso speciale dedica questo pensiero: "durante la tua lunga fuga tutti ci siamo esaltati per il tuo valore, ricondando il coraggio e la forza dei nostri antenati che ogni giorno affrontavano dure fatiche nei campi."

A Leonardo sono arrivati tantissimi messaggi di augurio dai tifosi di tutta Italia e soprattutto dai tifosi che risiedono all'estero; non potendo ringraziare tutti personalmente ci ha incaricato di farlo attraverso questo giornale e noi lo facciamo molto volentieri.

oggi il quotidiano Il Centro pubblica:

GIORDANI

Bravo nelle fughe

LEONARDO GIORDANI è stato il grande protagonista della tappa di sabato, quella arrivata a Tropea. 207 chilometri di fuga per il romano con salde radici nella frazione di Tussio di Prata d'Ansidonia, nell'Aquilano. E' il leader della speciale classifica delle fughe. E' uno degli uomini di esperienza della Farnese Vini-Neri Sottoli, insieme a Noè e Mazzanti. Ci ha provato anche nei giorni scorsi. Ha speso molto finora, non si è affatto risparmiato. Generoso nelle sue azioni, pimpante e deciso a lasciare il segno. Un Giro in prima linea, un Giro effervescente. Sta attraversando un buon momento di forma e, probabilmente, sarà ancora tra i protagonisti nei prossimi giorni. Probabilmente, già da domani quando troverà molti fans lungo la tappa che arriverà a Teramo e proverà a regalare una soddisfazione ai genitori abruzzesi.

Angelo ha ricordato il corridore belga, deceduto a causa di una caduta, con un cartello ripreso e diffuso dalla televisione nazionale.

__________________________________________________________

6 maggio 2011

da amici

Caro info@tussio.it abbiamo letto con piacere il commento di quel ragazzo in gamba (Sergio) sulle ultime foto pubblicate…..è tutto vero!
Infatti si sente spesso: “ si stava meglio quando si era poveri. Eravamo tutti più felici e belli soprattutto Dentro “
In quanto alla privacy – parola dei tempi moderni - una volta avveniva tutto alla luce del sole come alla terrazza che era di mastro Achille ru ferrar'(o) in via della Fonte 15 dove genuinamente si ballava spesso.

__________________________________________________________

5 maggio 2011

da Angelo Giordani

FINALMENTE E' GIRO D'ITALIA N ° 94 DEI 150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA!

LEONARDO GIORDANI NOSTRO CONCITTADINO AL VIA DEI 207 PARTENTI

Dopo qualche giorno dall'ultima corsa disputata a Larciano (Pt), dove erano presenti i familiari e amici tifosi romani di Leonardo, con grande prestazione della squadra FARNESE Vini NERI Sottoli che alla fine si è dovuta accontentare del secondo posto del tricolore Visconti, battuto in volata da uno spagnolo, i tecnici hanno diramato con UNA FUMATA BIANCA i nove componenti della squadra giallo – fluo.
Eccoli: il campione italiano e capitano Giovanni Visconti, Francesco Failli, Oscar Gatto, Luca Mozzanti, Andrea Noè, Matteo Rabottini, Davide Ricci Bitti, Elia Favilli e Leonardo Giordani.
Il longilineo nostro concittadino ha appreso la notizia con tanta gioia per il ritorno dopo anni alla importante manifestazione rosa, seconda solo al Tour de France, soprattutto perché il Giro coincide con i festeggiamenti dei 150 anni dell'Unità d'Italia.
Grazie anche alla coincidenza che la Farnese Vini Neri Sottoli è la squadra del campione italiano Visconti gli organizzatori, con a capo Zomegnan, non solo l'hanno invitata per prima, ma onorata con il numero 150, appunto, al tricolore Giovanni Visconti, che siamo certi saprà onorare insieme a tutta la squadra questa importante riconoscenza.
Partenza sabato 7 da Torino, prima Capitale d'Italia e durante le 21 tappe toccherà la Sicilia per risalire con traguardo finale a Milano, per un totale di Km 3498.
Sarà dunque un grande, bello e tosto Giro che la Rai irradierà a 167 Paesi collegati con oltre 200 h di diretta nelle varie ore del giorno e sera.
Dunque una stupenda corsa rosa per far conoscere meglio in lungo e in largo la nostra bella Italia al mondo intero.
Forza ragazzi! Seguiremo alcune tappe “ armati ” di cartelli e bandiere e pennelli con calce per dipingere nelle strade il nostro entusiasmo.

________________________________________________________

 

17 maggio 2011

nuova poesia di Vanda Santogrossi

CHECCOSA SE MOE ...!?

Me pare che checcosa se moe ajiu funnu dejiu callaronu
che s'è rrimpitu de tandi bbejiu e bbrutti paroloni
'n cquisti ddu anni de speranze, proggetti, rabbi' e' llusioni.
Me pare d'avè sinditu che 'n' "ala de Roiu"_ l'università s'endenne"_
se sta propetu de sicuru 'n cquisti jorni fenenne
de rremett'appostu, ma s'ata 'spettà pe' l'atru 'nu par'e anni
forze, se tuttu va bbonu, pe' rrappianà dejiu tarramutu tutti ji danni.
Macara, fosse "sanda" 'sta promessa o, se, se troesse chiggunu
che 'esse 'nu zambatone a cquiji sassi e rremettesse ju candone
angora prima de fa passà ju tembu 'ncertu stabbilitu.
De certu, ce starrà chiggunu che a ffa' parlà bbonu de issu ce tenarrà
e se ce penza, ju mezzu ggiustu no' ji mancarrà
pe fassi ajiu futuru da tandi sveji cereveji rrecordà.
E ssu, passeteve 'na manu 'n coccia, lisceteve la bbarba
se la tenete, facete 'nu suspiru dajiu funnu e da lle labbera
facete scì 'nu "sibbilu" libberatoriu pe' l'opera bbona
che sete rrisciti a ffà!
Facetece vetè che sete assà capaci de rreportà lu bbene
'e 'sta città che pe' "troppi" angora essa ci sta'
e che pe' "ttand'atri" essa sembre c'atà sta'!

________________________________________________________

25 aprile 2011

Buona Pasqua

Abbiamo atteso la foto di un dipinto di Piero Angelone per augurare attraverso la sua espressività la buona Pasqua a tutti i paesani. Per un disguido lo facciamo oggi; i nostri sentimenti sono comunque gli stessi e sempre vivi.

____________________________________

18 aprile 2011

nuova poesia di Vanda Santogrossi


PECCHE' SETE SCAPPATI?


Chi ji sordi ji tenea, fori, la casa s'è combrata,
la città firita e martoriata senza pensacci ha lassata,
come 'nu Giuda in facci'a essa s'è combortatu
e 'nu bbene, pe' issu 'ncoscende, aj'atri ha lassatu.
E' vveru che pocu s'è fattu e troppu s'è ciarlatu
'n cquisti ddu anni che ggià so' passati,
ma è ppure veru che j'aquilani che se so' rrisinditi
a ffa' capì checcosa de bbonu so' arriati.
Pe' rrecostruì, no' nge stà coloru pe' ju laoru
e nemmango co' la bboria tuttu se rresolve,
ce vonno teste ritte, co' tandu de cerevejiu
che sanno capì la via ch'è mejiu e s'ata' sequì.
Pochi sordi mo' ci stannu, l'hanno jttu a Tvunu:
so' tre mijiardi e mezzu, lo scì sinditu tu?
So cquiji nati "ecco" che sannu lo da fa'
so cquiji che "stannu a spassu" che s'atannu rraffiata'
ji " Consorzi" mo' so prondi, ponno pure comenzà.
Pecchè sete scappati, teneate tenè duru,
pecché 'nzieme rrecostruì se potea ju futuru.
Non ve sendete 'nu malloppu rossu 'n pettu
p'avè 'bbandonatu 'sta terra e cquistu tittu?

_____________________________________________________________

1 aprile 2011

presentiamo il calendario dei prossimi impegni del nostro ciclista Leonardo Giordani:

2 aprile: Olanda
6 aprile: Belgio
7 aprile: Belgio
10 aprile: Italia - giro dell'appennino
13 aprile: Belgio
!4 aprile: Francia
17 aprile: Olanda
19-22 aprile: Italia - giro del Trentino
30 aprile: Itali - Larciano
7-29 maggio: Italia - giro d'Italia

Leonardo per la quarta volta partecipa al giro; orgogliosi, i paesani che vivono in Italia e all'estero, lo seguiranno e tiferanno come sempre per lui, sperando che le sue prestazioni ci diano ancora tanta soddisfazione.

__________________________________________________________

31 marzo 2011

da Angelo Giordani

28 marzo 2011

Venerdì 1° aprile 2011 alle ore 17,30 all'auditorium Carispq di via Strinella - L'Aquila-

Vanda Santogrossi Casilio

presenta il libro di poesie

L'URLO NELLA NOTTE

tutta la popolazione di Tussio è invitata.

________________________________________________________

17 marzo 2011

da Angelo Giordani

ACCOLTI CON UNA GRANDE PARATA SHOW LEONARDO GIORDANI DELLA FARNESE VINI NERI SOTTOLI E I PROTAGONISTI DELLA TIRRENO - ADRIATICO AL BIVIO DELLA SS 17 TUSSIO - SAN PIO DELLE CAMERE

Tussio - L'Aquila. Una bellissima mattinata di sole e una grandissima parata con 27 bandiere di varie Nazioni; 3 lunghi striscioni; 3 grandi cartelli e scritte sull'asfalto. Con questo scenario regale è stata accolta la lunga carovana ciclistica della 46esima Tirreno Adriatico, ma soprattutto il nostro ciclista Leonardo Giordani, al passaggio del Bivio Tussio - San Pio della SS 17, luogo delle sue radici, nella quarta tappa Narni (Tr) – Chieti di Km 240.
Tanti fans di Tussio e paesi vicini hanno atteso Leonardo informati da “Il Centro”, giornale amico di Tussio che con un bell'articolo nei giorni precedenti aveva informato sull'evento e che durante la gara simultaneamente offriva la cronaca e per questo lo ringraziamo.
E' stata infatti una mattinata di grande impegno per i suoi tifosi che per ore si sono prodigati nei preparativi, ma alla fine sono stati tutti soddisfatti e felici per il sincero applauso che la carovana ciclistica mondiale ha riservato per il bellissimo scenario preparato. -Siamo certi che i nostri concittadini lontani vivranno con nostalgia e nello stesso tempo con orgoglio questo avvenimento.-
Erano tutti in ansia dunque insieme ai suoi familiari quando il nostro ciclista della Farnese Neri, che precedentemente aveva chiesto al direttore di corsa inglese Lancaster il permesso di poter salutare, ha sorpreso tutti fermandosi ad abbracciare familiari e tifosi, ringraziando compiaciuto per poi ripartire velocemente.
Sabato 19 marzo, mentre noi tussiani festeggeremo il nostro protettore San Giuseppe, Leonardo parteciperà alla classicissima centenaria Milano – San Remo di 300 Km con la diretta Rai di oltre 4 ore. In bocca al lupo Leonardo!

________________________________________

5 marzo 2011

da Angelo Giordani

SPETTACOLARE PARATA PER GIORDANI CHE IN GARA “TIRRENO ADRIATICO” ATTRAVERSA LE SUE STRADE.

Carissimi amici di infotussio,
ci eravamo lasciati a metà Gennaio con la cronaca della presentazione ad Ortona della squadra FARNESE VINI NERI SOTTOLI del nostro ciclista professionista Leonardo Giordani, dove portammo con altri amici e familiari anche un bel cartello per l'occasione inneggiante la nuova “equipe” e tutti i 20 ragazzi spronandoli con un grande e affettuoso augurio di ben figurare nelle gare.
Amici, abbiamo colto nel segno perché i nostri ragazzi hanno già trionfato in ben 8 corse: Giro della Calabria, Giro della Malesia, Giro del Qatar e per ultima sabato 26 nella Svizzera. Al momento è la squadra più vittoriosa e non solo in Italia..!
Il prossimo sabato 5 marzo andremo a tifare a Siena nella classica delle strade bianche, poi torneremo in Abruzzo, perché dal 9 al 15 marzo è in programma con 7 tappe la “Tirreno Adriatico” organizzata dalla Gazzetta dello sport da quasi 50 anni. Prima tappa con partenza dalla Toscana e sabato 12 la terza tappa da Narni (Terni) con arrivo a Chieti che attraversa Chieti, L'Aquila, e udite udite la Statale 17 San Pio, dove se bel tempo faremo delle scritte e tante bandiere di varie Nazioni e striscioni inneggianti al nostro atleta Giordani, unico professionista aquilano presente dei 200 partecipanti di 28 Nazioni.
Leonardo per la prima volta ha l'onore e la grande emozione di attraversare le nostre strade insieme a tanti campioni e poter salutare i suoi tifosi che da piccino lo hanno visto allenarsi nelle nostre montagne.
Appuntamento dunque per tutti a San Pio dalle ore 10 così prepareremo una spettacolare parata.
Non mancheranno fiaschi di vino per rallegrare l'attesa del passaggio. Portate anche i vostri bambini, così avranno un ricordo di un evento sportivo di grande portata!
Ricordiamo che ogni giorno ci sarà la diretta su Rai Sport 1 e 2.
Questo articolo andrà anche su “Il Corriere Laziale” e “Il Centro”.

_______________________________________

5 marzo 2011

nuova poesia di Vanda Santogrossi

DETEVE 'NA MOSSA

Pe' furtuna checcosa se st'a mmoe attornu a lo da fa'
de cquesta tandu bbella e 'ddolorata città.
E' rremasta spojia de tandi fiji che laoreanu aj'uffici sspostati,
se ne so' jiti pure ji studendi 'mpauriti co' ttandi bboni rricquisiti,
ce ne so' rremasi tandi e ne volemo angora di cchiù
quannu a Roiu sta rremissu tuttu su.
E volemu pure cquacche locu de curtura rrennoatu
cchiù vvecinu ajiu "quartiere" rattivatu.
No' 'nze ponno lassà 'mbalia pe' 'na via
chiena de Bbar e de posti addò se bee
pecchè ji quatranitti vonno sendissi protetti
vonno sindì ju caloru de chi ji vo' bbene
e pure se "nicchianu", so' condendi de chi ji fa' bbruttu,
pecchè quessu, se l'aspettenu daji ròssi,
sennò no' 'nze sendenu conzitirati
da chi vecinu ji sta e da chi j'ha ggenerati.
E ssu deteve 'na mossa vu' che cummannete e sete patri.
Faceteve vete' che ce tenete a rredà 'na vita
armenu a 'nu "quartiere" la 'ote, a 'sta città.
Come so' sinditu a lla tv de raggionà:
-Se pochi sordi ce stannu, se ponno comenz'addoprà-.

_________________________________________

5 marzo 2011

da Angelo Giordani

carissimo info@tussio.it con tanto piacere ho letto sul nostro bel sito di un nostro concittadino o compaesano americano che ci ha onorato, oltre oceano, della nascita del figlio mettendogli nome TUSSIO.
Bravissimo Peter Santogrossi, tu si che vuoi bene al nostro paesello!
Tanto auguri per il bel pupo e la speranza di vederlo saltellare con altri bambini per le strade e la piazza del bel paese del nonno.

8 febbraio 2011

Riflettiamo su l'onore che il pronipote di tussiani riserva al paese di origine dei propri avi.
Riceviamo e pubblichiamo la notizia che a Peter è nato il bambino al quale ha dato il nome: TUSSIO

Ciao! Mi chiamo Peter Santogrossi, figlio dI Candido Santogrossi, nato a Tussio (1924) (ndr sepolto nel cimitero di Tussio) - nipote di "ru lebbr'(e).
Nostro figlio nato il 15 di Gennaio 2011 si chiama: Patrick Tussio Santogrossi.
In futuro, speriamo che Patrick possa visitare il bel paese Tussio.
Pete e Melissa Santogrossi

_____________________________________________________

31 gennaio 2011

Nuova poesia di Vanda Santogrossi

J'ANNU NOVU
E' arriatu j'annu novu co' 'nu saccu de ssperanze
co' ju core apertu a ccose che se tanno realizzà.
Tanda ggende ha ggià ddicisu che lo piagne no' te paca:
è l'unissi tutti 'nzieme che te fa congretizzà.
E parecchi se so' messi co' la bbona volondà
a 'ngegnasse co' la mende pe' pote' rrecomenzà
cquela vita e ju laoro che ffecea co' ttuttu ju core.
S'è bbrindatu a Capoannu co' j'amici rretroati
s'è parlatu e rreparlatu dejiu tembu ch'è passatu
s'è penzatu e rrepenzatu a lo bbene ggià pirdutu
co' 'na forza che sta' endru e t'ajiut'a no' mollà.
Se so' vviste a "Tvunu" tande bbelle 'niziative
e sinditu 'e raggiona' a chi mo' s'ata' 'mbiccià
pe' dirigg'e conzijia' addò s'atà rracapezzà
pe' rredà aji quartieri cquela vita de 'na 'ote.
So' passate mò le "festi" da Natale a lla Bbefana,
so' rrescite le bbancarelle co' le tande sciuclarelle
se so' aperte poche "serrande" pe' j'acquisti e pe' ji "saldi"
ma se ne tann'aprì de cchiù pe' j'atri e pe' nnù.
Tandi carteji: "Lavoro in corso", face condende volemo ingondrà
tandi "pondeggi" volemo veté e perzone a laorà
pe' poté a lle casi rrendrà, pecché pur'esse ce stann'a'spettà!

___________________________________________________________

26 gennaio 2011

Il 26 gennaio 2011 Gianni De Rubeis invia queste informazioni, frutto di una approfondita ricerca:

Riguardo il documento( CHE TROVERETE NEL CAPITOLO "ORIGINI DI TUSSIO") inviato da Roberto DEPIERA tratto dal "CODICE DIPLOMATICO LONGOBARDO",ho cercato notizie in internet circa questo documento ed ho riscontrato che il toponimo TUSSIO viene riportato in altri siti come "TUSSIE" (LOMBARDIA Beni
Culturali), ed è  la dizione latino-longobarda di TUSCIA equivalente, all'epoca, al territorio dell'intera TOSCANA, mentre ora intendiamo con tale nome il territorio della provincia di VITERBO.
Anche gli altri toponimi scritti nel codice diplomatico longobardo vicino a TUSSIO ( o TUSSIE) indicano aree geografiche piuttosto estese ( SPOLETINIS-ducato di Spoleto, IMMILIE-Emilia, NEUSTRIE-territorio tra l'Adda e l'Austria).
Comunque questo è il link che ci porta nel sito che ha effettuato tali studi : http://cdlm.unipv.it/

_____________________________________________________________

20 gennaio 2011


da Angelo Giordani

PRESENTATA ALLA GRANDE LA “ FARNESE vini NERI sottoli ”

IL ROMANO LEONARDO GIORDANI TRA I COMPONENTI DELL'AGGUERRITA SQUADRA

Presentazione alla grande della nuova squadra professionistica abruzzese toscana la “FARNESE vini NERI sottoli” ad Ortona (CH) nel suo bel teatro gremitissimo di tanti appassionati venuti da ogni dove e con tifo da stadio.
Presenti vari giornalisti delle più importanti testate sportive, come anche la Rai e tv della Toscana e abruzzesi, otto in totale. Sul palco i principali sponsor e autorità con i 20 atleti componenti la squadra.
All'accendersi delle luci del palco il rintuono della gran voce del giovane tenore Pietro Mazzocchetti cantando “Vincerò” ha aperto il pomeriggio con emozione e passione di sport, mentre scorrevano le immagini della grande vittoria di VISCONTI al campionato italiano 2010. Di seguito lo speaker ha chiamato ogni atleta con a lato il tecnico manager, Luca Scinto, che ha descritto le qualità di ognuno di loro e le sue aspettative di squadra molto agguerrita.
Ecco i 20 atleti: GIOVANNI VISCONTI, OSCAR GATTO, PATRICK SINKEWITZ, ANDREA GUARDINI, FRANCESCO FAVILLI, ELIA FAVILLI, PIERPAOLO DE NEGRI, ALESSANDRO BISOLFI, GIANLUCA MIRENDA, DAVIDE RICCI BITTI , EMANUELE VONA, ANDREA NOE', LEONARDO GIORDANI, LUCA MAZZANTI, DIEGO CACCIA, LUBOS PELANEK, OTTAVIO BULGARELLI, MIYAZAWA TAKASHI, ROBERTO DE PATRE, MATTEO RABOTTINI.
Al termine della lunga applaudita presentazione della squadra, il primo intervento è stato del Presidente del Consiglio Regionale d'Abruzzo Nazario Pagano: “ Il territorio- ha detto - tra l'altro cresce grazie a questi imprenditori e ai settori dove investono e facendolo nel ciclismo aiutano la nostra Regione a farsi conoscere ed amare nel mondo” , terminando sotto uno scrosciare di applausi. Seguiva l'intervento il responsabile della Farnese vini, l'atletico Valentino Sciotti, padrone di casa della grande azienda ortonese e primo sponsor della squadra, dicendo: “ Dopo aver ascoltato a lungo atleti e tecnici della loro coesione come una grande famiglia, vi dico che questa caratteristica sposa perfettamente con la missione della Farnese vini, perché in azienda curiamo molto l'immagine e il gruppo, valori per crescere che portano lontano.” e dal suo pubblico ha ricevuto una ovazione. Anche Giuliano Baronti, titolare della Neri Sottoli toscano doc , da una vita sponsor di squadre ciclistiche, si è soffermato sulla grande coesione di tutto il gruppo ciclistico e sponsor dicendosi fiducioso per la nuova stagione.
Il secondo manager della squadra Angelo Citracca, romano de Roma , ha sottolineato l'importanza di ben figurare nelle corse organizzate dalla Gazzetta, soprattutto al Giro d'Italia, da qualche mese invitati e grande vetrina per tutti.
Per ultimi abbiamo lasciato i ciclisti laziali, il frusinate Emanuele Vona e il romano abruzzese Leonardo Giordani al suo dodicesimo anno tra i professionisti, molto felice di essere stato richiesto dalla nuova squadra augurandosi di poter tornare al Giro d'Italia dopo anni di lontananza e dare il massimo in ogni gara per ripagare la fiducia riposta in lui dai dirigenti, ma anche dai tanti tifosi che con cartelli e bandiera tricolore da Roma e L'Aquila hanno raggiunto Ortona numerosi per incitarlo.

Nella foto con Leonardo Giordani, il papà Angelo e il nipote Marco insieme al manager della Farnese, Valentino Sciotti

_______________________________________

a cura di Toni Santogrossi

grafica e supporto tecnico: Giulia Cicerone